«

mag 10 2016

Stampa Articolo

SAVA: Grazie al Sindaco IAIA non si paga la TASI? FALSO! FALSO! FALSO!

Ivano e Maurizio

Nelle dichiarazione degli ultimi giorni del Sindaco Iaia e dei suoi Amministratori, apparse su quotidiani e TV locali, abbiamo più volte riscontrato frasi tipo :

 

“A Sava la TASI non si paga”.

GRAZIE AL SINDACO IAIA ?!?!?

 

Chi legge questo potrebbe pensare di paragonare Sava ad un Paradiso fiscale.

Niente di più falso.

A Sava come in tutti gli altri Paesi d’Italia la Tasi sulla prima casa è stata eliminata dal Governo con la Legge di Stabilità del 2016.

 

E’ lo stesso Sindaco a dichiararlo nel Consiglio Comunale del 30 aprile 2016 con le seguenti testuali parole :

”Con l’intervento del Governo è stata prevista l’abolizione della TASI sulla prima casa”.

“È assurdo il modo che il Sindaco IAIA utilizza per “vendere fumo”, per alterare la realtà anche facendo la vittima o il paladino dei diritti, ai fini di una valorizzazione del suo personale patrimonio elettoraledichiara il Consigliere Ivano DecataldoAnche il mio voto è stato a favore della delibera che azzera la Tasi, specificando che, ogni tanto arrivano buone notizie dal Governo nazionale a vantaggio dei cittadini, nella speranza che poi non si traduca in vessazioni nascoste.”

Tasi 1 maggioPer ciò che attiene agli altri immobili il Sindaco Iaia durante la stessa seduta testualmente dichiara : “Abbiamo ritenuto di confermare l’esenzione TASI per quanto riguarda le seconde case, le attività commerciali e le case concesse in locazione”.

L’affermazione del Sindaco IAIA , apparsa anche Facebook ( come si può vedere nella foto a lato ) sembra un “regalo” fatto dall’Amministrazione ai cittadini.

Anche questo non è vero.

La stessa Legge di Stabilità 2016 al comma 26 dell’articolo 1 così recita : “Al fine di contenere il livello complessivo della pressione tributaria, in coerenza con gli equilibri generali di finanza pubblica, per l’anno 2016 e’ sospesa l’efficacia delle leggi regionali e delle deliberazioni degli enti locali nella parte in cui prevedono aumenti dei tributi e delle addizionali attribuiti alle regioni e agli enti locali con legge dello Stato rispetto ai livelli di aliquote o tariffe applicabili per l’anno 2015”.

 

Il Governo ha imposto agli Enti Locali di non poter, quindi, aumentare le aliquote dei tributi locali (fatta eccezione per la tassa sui rifiuti), lasciando liberi gli stessi di poter effettuare delle riduzioni.

 

Di fatto – dichiara Maurizio Chianura Dottore Commercialista in rappresentanza di Sava InMovimentoa Sava l’Amministrazione si è spinta ai livelli massimi previsti dallo Stato per i tributi locali e anche per il 2016 nulla ha previsto in favore delle classi sociali svantaggiate.

A nulla sono valse le nostre richieste di rivedere le aliquote tenendo conto di quelle categorie che sicuramente non versano in buone condizioni economiche.

 

“Se l’Amministrazione Iaia avesse realmente voluto aiutare i cittadini savesi, ad esempio, sarebbe potuto intervenire riducendo la tassa sui rifiuti, premiandoli per i risultati sulla differenziata, invece continua a penalizzarli facendoli pagare servizi non ancora disponibili, uno tra tanti l’isola ecologica che non c’è, da tre anni” – conclude il Consigliere di Sava in Movimento Ivano Decataldo.

 Uff. Stampa SavaInMovimento

 

2 commenti

  1. nmd uk

    This web page is known as a stroll-through for all of the info you wanted about this and didn抰 know who to ask. Glimpse here, and also you抣l definitely uncover it.

  2. yeezy boost 350 v2

    you might have an awesome blog here! would you wish to make some invite posts on my blog?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>