Stampa Pagina

Video – Consiglio Comunale del 23/05/13

Interrogazioni

Ivano DECATALDO:
Vengono chieste notizie su una interrogazione fatta diverse volte in relazione al Laboratorio Mediterraneo (Bollenti Spiriti) più precisamente in merito alla rimodulazione del tempo in considerazione del fatto che era partito in ritardo;
questione professionalità all’interno;
le attività come si rimodulano?
obblighi ente gestore;
protocollo di rete mai sottoscritto;
cosa si intende fare successivamente a questo start-up visto che a settembre/ottobre finiranno i soldi?

poi sulla questione Raccolta differenziata:
Campagna sensibilizzazione molto carente;
azienda poco organizzata nella raccolta;
al numero verde spesso non risponde nessuno,
sicuramente bisognava intensificare le linee e il tempo.
Abbiamo verificato che ci sono tanti rifiuti nelle campagne, in relazione a questo si ha intenzione di organizzarsi alla rimozione di questi rifiuti nelle campagne?
C’è un progetto per migliorare il servizio?
Problema pannolini: molta confusione; dall’ordinanza si leggeva che bisognava fare richiesta all’ufficio poi è stato detto che i contenitori erano disponibili all’infopoint poi sono finiti e le modalità sono cambiate nuovamente.
Isola ecologica: manca e non è possibile assolvere ad alcuni servizi come la raccolta degli oli esausti, inerti, scarti di vegetazione.

E’ previsto un calendario/orario per la pulizia delle strade in modo da non trovare i veicoli parcheggiati? come accade in quasi tutte le città dove viene esposto un cartello che indica l’orario di passaggio della macchina spazzatrice e quindi di lasciare lo spazio libero da auto in quella fascia oraria.

E’ possibile utilizzare l’acqua durante lo spazzamento visto che non viene utilizzata e vengo innalzate polveri che creano problemi alla salute?

Dopo le risposte degli assessori prende la parola il sindaco affermando che secondo l’amministrazione la campagna sensibilizzazione è stata sufficiente

==================================================

Debiti fuori bilancio e Approvazione progetto Centro Comunale Raccolta Isola Ecologica

 

==================================================

Concessione realizzazione chiosco in P.zza Risorgimento

Relaziona il Sindaco

Intervento di Ivano DECATALDO:

viene precisato che in commissione sono state, più volte, sollevate questioni di carattere sia tecnico sia amministrativo sia politico.
E’ stato modificato un progetto in corso d’opera per inserire un chiosco non previsto nel progetto iniziale (SI parla del progetto di rifacimento di P.zza Risorgimento)

Il percorso NON è stato molto lineare a partire dalla convenzione scaduta da tempo;
ci sono state diverse richieste effettuate dal concessionario;
azioni non compiute da parte degli uffici a tempo debito;
si vuol far apparire questo atto come una prosecuzione della concessione ma invece è una NUOVA concessione (spostata di pochi metri ma una nuova concessione)
NON è un atto dovuto ma UNA SCELTA di dare in concessione ad un determinato cittadino.

“come ho sottolineato in commissione la scelta di darlo in concessione crea una condizione di forzatura pur tutelando le persone che ci lavorano” [cit.]

L’aspetto tecnico va evidenziato:
in commissione è stato chiesto un altro punto di incontro, per esempio la pulizia NON limitata solo ad una frazione della piazza, cioè quella vicina al chiosco, ma la cura del parco giochi adiacente.
Sempre il consigliere Ivano DECATALDO aveva anche proposto se le giostrine fossero a carico del concessionario.

Le inadempienze trovano il paravento della parte politica.

NON esiste un canone dell’area pubblica, neanche 1 EURO di canone

In una corrispondenza sorgeva la NON convinzione del parere tecnico dell’arch. DE MAURO in quanto faceva sorgere il dubbio se la concessione di suolo pubblico
fosse competenza dell’area URBANISTA rispetto all’ing. SCHIRINZI che è responsabile dell’area PATRIMONIO.
Dalle lettere non è stato dissolto il dubbio della competenza tecnica.

Ci sono molte perplessità dal punto di vista tecnico

Viene chiesto al segretario comunale di esprimere un parere per garantire la conformità della procedura amministrativa

Preoccupazione per errori di carattere tecnico che possono inficiare la procedura e quindi arrecare danni anche al gestore.

Dare in concessione senza un canone va in contrasto con la spending review, anche 10 euro mensili salvano l’aspetto tecnico di questo iter.

La maggioranza si fa carico della responsabilità di questo provvedimento.

==================================================

Istituzione della consulta comunale per le attività produttive
e approvazione del regolamento.

Relazione l’ass. alle attività produttive M. Pichierri ed elogia il consigliere DECATALDO
(presidente della commissione) per il lavoro svolto.

Intervento di Ivano DECATALDO:
un provvedimento importante che ha permesso di lavorare in sinergia.
In molti comuni le consulte si dissolvono subito in quando non hanno garanzie, nessun potere e inoltre la loro vita è legata all’amministrazione.

Questa consulta da oggi è PERMANENTE.

Quindi abbiamo voluto convocare tutte le associazione di categoria e parti sindacali,
insieme a loro sono state fatte delle proposte per garantire più autonomia alla consulta, più organizzazione interna con supporto amministrativo, ee inoltre garantire la continuità a prescindere dalla vita  dell’amministrazione.
E’ stata prevista la possibilità di integrare all’interno quei rappresentanti che non esistono in maniera formale come associazioni ma rappresentano delle attività produttive. Per esempio nella zona industriale ci sono delle attività che non hanno delle associazioni di riferimento su SAVA (confindustria, confartigianato) ma possono eleggere autonomamente dei loro rappresentanti da far rientrare nella consulta delle attività produttive.

==================================================